Verdi – Traviata – Noi siamo zingarelle… È Piquillo un bel gagliardo

Tenor

Verdi – Traviata – Noi siamo zingarelle… È Piquillo un bel gagliardo

Audio preview of Verdi – Traviata – Noi siamo zingarelle… È Piquillo un bel gagliardo

Italian lyrics

SCENA X
Detti, e molte signore mascherate da Zingare, che entrano dalla destra

ZINGARE
Noi siamo zingarelle
Venute da lontano;
D’ognuno sulla mano
Leggiamo l’avvenir.
Se consultiam le stelle
Null’avvi a noi d’oscuro,
E i casi del futuro
Possiamo altrui predir.

I.
Vediamo! Voi, signora,
Prendono la mano di Flora e l’osservano
Rivali alquante avete.

Fanno lo stesso al Marchese

II.
Marchese, voi non siete
Model di fedeltà.

FLORA
al Marchese
Fate il galante ancora?
Ben, vo’ me la paghiate

MARCHESE
a Flora
Che dianci vi pensate?
L’accusa è falsità.

FLORA
La volpe lascia il pelo,
Non abbandona il vizio
Marchese mio, giudizio
O vi farò pentir.

TUTTI
Su via, si stenda un velo
Sui fatti del passato;
Già quel ch’è stato è stato,
Badate/Badiamo all’avvenir.

Flora ed il Marchese si stringono la mano

SCENA XI
Detti, Gastone ed altri mascherati da Mattadori, Piccadori spagnuoli, ch’entrano vivamente dalla destra

GASTONE E MATTADORI
Di Madride noi siam mattadori,
Siamo i prodi del circo de’ tori,
Testé giunti a godere del chiasso
Che a Parigi si fa pel bue grasso;
E una storia, se udire vorrete,
Quali amanti noi siamo saprete.

GLI ALTRI
Sì, sì, bravi: narrate, narrate:
Con piacere l’udremo

GASTONE E MATTADORI
Ascoltate.
È Piquillo un bel gagliardo
Biscaglino mattador:
Forte il braccio, fiero il guardo,
Delle giostre egli è signor.
D’andalusa giovinetta
Follemente innamorò;
Ma la bella ritrosetta
Così al giovane parlò:
Cinque tori in un sol giorno
Vò vederti ad atterrar;
E, se vinci, al tuo ritorno
Mano e cor ti vò donar.
Sì, gli disse, e il mattadore,
Alle giostre mosse il pie’;
Cinque tori, vincitore
Sull’arena egli stendé.

GLI ALTRI
Bravo, bravo il mattadore,
Ben gagliardo si mostrò
Se alla giovane l’amore
In tal guisa egli provò.

GASTONE E MATTADORI
Poi, tra plausi, ritornato
Alla bella del suo cor,
Colse il premio desiato
Tra le braccia dell’amor.

GLI ALTRI
Con tai prove i mattadori
San le belle conquistar!

GASTONE E MATTADORI
Ma qui son più miti i cori;
A noi basta folleggiar

TUTTI
Sì, sì, allegri… Or pria tentiamo
Della sorte il vario umor;
La palestra dischiudiamo
Agli audaci giuocator.

Verdi – Traviata – Noi siamo zingarelle… È Piquillo un bel gagliardo