Verdi – Fu la sorte dell’armi (Aida)

Soprano

Verdi – Fu la sorte dell’armi (Aida)

Audio preview of Verdi – Fu la sorte dell’armi (Aida)

Italian lyrics

[Amneris]
Silenzio! Aida verso noi s’avanza…
Figlia dei vinti,
il suo dolor m’è sacro.
(ad un cenno di Amneris tutti si allontanano)
(Entra Aida portando la corona)
Nel rivederla, il dubbio
atroce in me si desta…
Il mistero fatal si squarci alfine!

[Amneris]
(ad Aida con simulata amorevolezza)
Fu la sorte dell’armi a’ tuoi funesta,
povera Aida! Il lutto
che ti pesa sul cor teco divido.
Io son l’amica tua…
Tutto da me tu avrai, vivrai felice!

[Aida]
Felice esser poss’io
lungi dal suol natio, qui dove ignota
m’è la sorte del padre e dei fratelli?..

[Amneris]
Ben ti compiango! pure hanno un confine
i mali di quaggiù… Sanerà il tempo
le angoscie del tuo core…
e più che il tempo, un Dio possente…
Amore.

[Aida] (vivamente commossa)
( Amore, amore! Gaudio, tormento,
soave ebbrezza, ansia crudel!..
| Ne’ tuoi dolori la vita io sento,
| un tuo sorriso mi schiude il ciel.
| Ne’ tuoi dolori, ecc. )
|
| [Amneris] (guardando Aida fissamente)
| ( Ah, quel pallore… quel turbamento
| svelan l’arcana febbre d’amor.
| D’interrogarla quasi ho sgomento,
| divido l’ansie del suo terror. )

[Amneris]
(ad Aida fissandola attentamente)
Ebben: qual nuovo fremito
t’assal, gentil Aida?
I tuoi segreti svelami,
all’amor mio t’affida…
Tra i forti che pugnarono
della tua patria a danno…
qualcuno… un dolce affanno…
forse… a te in cor destò?..

[Aida]
Che parli?

[Amneris]
A tutti barbara
non si mostrò la sorte,
se in campo il duce impavido
cadde trafitto a morte…

[Aida]
Che mai dicesti! misera!..

[Amneris]
Sì… Radamès da’ tuoi
fu spento…

[Aida]
Misera!

[Amneris]
E pianger puoi?..

[Aida]
Per sempre io piangerò!

[Amneris]
Gli Dei t’han vendicata.

[Aida]
Avversi sempre mi furo i Numi…

[Amneris] (prorompendo con ira)
Trema! in cor ti lessi…
tu l’ami…

[Aida]
Io!..

[Amneris]
Non mentire!..
( Un detto ancora e il vero saprò… )
Fissami in volto…
io t’ingannava…
Radamès… vive…

[Aida]
(con esaltazione, inginocchiandosi)
Vive! Ah grazie, o numi!

[Amneris]
E ancor mentir tu speri?..
Sì… tu l’ami…
(nel massimo furore)
Ma l’amo anch’io… intendi tu?..
son tua rivale… figlia de’ Faraoni…

[Aida]
(con orgoglio, alzandosi)
Mia rivale!.. ebben sia pure…
anch’io… son tal…
(reprimendosi)
Ah, che dissi mai?.. pietà! perdono!

Ah! pietà ti prenda del mio dolore…
è vero, io l’amo d’immenso amor…
tu sei felice, tu sei possente…
io vivo solo per questo amor.

[Amneris]
Trema, vil schiava! spezza il tuo core.
Segnar tua morte può quest’amore.
Del tuo destino arbitra sono.
D’odio e vendetta le furie ho in cor.

| [Aida]
| Tu sei felice, ecc.
|
| [Amneris]
| Trema, vil schiava, ecc.

| [Coro] (di fuori)
| Su! del Nilo al sacro lido
| sian barriera i nostri petti.
| Non echeggi che un sol grido:
| guerra e morte allo stranier!
|
| [Amneris]
| Alla pompa che si appresta,
| meco, o schiava, assisterai.
| Tu prostrata nella polvere,
| io sul trono, accanto al Re.

[Aida]
Ah pietà! Che più mi resta?
un deserto è la mia vita:
viva e regna, il tuo furore
io tra breve placherò.
Quest’amore che t’irrita
nella tomba io spegnerò.

[Amneris]
Vien, mi segui, e apprenderai
se lottar tu puoi con me.

| [Aida]
| Ah! pietà, ecc.
|
| [Amneris]
| …se lottar tu puoi con me, ecc.
|
| [Coro] (di fuori)
| Guerra e morte allo stranier!

(Amneris esce)

[Aida]
Numi, pietà del mio martir,
speme non v’ha pel mio dolor!
Numi, pietà del mio soffrir!
Numi, pietà, pietà, pietà!

Verdi – Fu la sorte dell’armi (Aida)