“Per me è giunto… io morrò” Verdi (Don Carlo)

Baritone

“Per me è giunto… io morrò” Verdi (Don Carlo)

Audio preview of “Per me è giunto… io morrò” Verdi (Don Carlo)

Italian lyrics

RODRIGO:
Convien qui dirci addio!
Per me giunto è il dì supremo,
No, mai più ci rivedremo;
Ci congiunga Iddio nel ciel,
Ei che premia i suoi fedel.
Sul tuo ciglio il pianto io miro;
Lagrimar, la grimar, così, perché?
No, fa cor, No, fa cor, l’estremo spiro
Lieto è a chi morrà per te.
Lieto è a chi morrà per te!
DON CARLO
(tremando):
Che parli tu di morte?
RODRIGO:
Ascolta, il tempo stringe.
Rivolta ho già su me la folgore tremenda!
Più tu non sei oggi il rival del Re.
Il fiero agitator delle Fiandre… son io!
DON CARLO:
Chi potrà prestar fè!
RODRIGO:
Le prove son tremende!
I fogli tuoi trovati in mio poter…
Della ribellion testimoni son chiari,
E questo capo al certo è messo a prezzo già.
DON CARLO:
Svelar vo’ tutto al Re.
RODRIGO:
No, ti serba alla Fiandra,
Ti serba alla grand’opra, tu la dovrai compir…
Un nuovo secol d’òr rinascer tu farai,
Regnare tu dovevi ed io morir per te.
DON CARLO:
Cielo! la morte! per chi mai?
RODRIGO:
Per me!
La vendetta del Re – tardare non potea!
O Carlo, ascolta, la madre t’aspetta
A San Giusto doman; tutto ella sa…
Ah! la terra… mi manca… Carlo mio,
A me porgi la man!…
Io morrò, ma lieto in core,
Ché potei così serbar
Alla Spagna un salvatore!
Ah!… di me non… ti… scordar!…
di me… non… ti… scordar!…
Regnare tu dovevi ed io morir per te… ah…
Io morrò, ma lieto in core,
Ché potei così serbar
Alla Spagna un salvatore!
Ah!… di me non… ti… scordar!…
Ah! la terra mi manca… la mano a me, a me!
Ah! Salva la Fiandra!
Carlo, addio… ohimé!

“Per me è giunto… io morrò” Verdi (Don Carlo)